1. wordpress visitors

Come negli anni precedenti, un mio componimento in lingua inglese è stato pubblicato di recente nell’e-book di quest’anno del movimento artistico-letterario Immagine & Poesia. L’e-book, curato, come tradizione, da Lidia Chiarelli e da Huguette Bertrand, è scaricabile gratuitamente da Immagine & Poesia (e-book 2018). La caratteristica della pubblicazione è che i testi sono accompagnati da immagini, che possono essere o del medesimo autore o di un autore diverso. Come è già accaduto nel 2015, quest’anno ho chiesto la collaborazione dell’artista Stefania Sabatino, che ha realizzato il dipinto Il bacio – omaggio a Rodin in acrilico e foglia d’oro su tela per la versione inglese  de Un bacio. Qui di seguito potrete vedere poesia e dipinto, che sono a pagina 60 dell’e-book.

Annunci

wordpress visitors

“Ogni volta che uno scienziato pretende che la sua teoria sia sostenuta dall’esperienza e dall’osservazione dovremmo porgli la domanda seguente: puoi descrivere una qualsiasi osservazione possibile che, effettivamente compiuta, confuterebbe la tua teoria? Se non lo puoi, allora è chiaro che la teoria non ha il carattere di una teoria empirica; infatti, se tutte le osservazioni concepibili vanno d’accordo con la tua teoria, allora non hai il diritto di pretendere che una qualsiasi osservazione particolare offra sostegno empirico alla tua teoria. Oppure, per dirla in breve: solo se puoi dirmi in che modo la tua teoria può essere confutata o falsificata, possiamo accettare la pretesa che la tua teoria abbia il carattere di una teoria empirica.”

Questa è la summa del pensiero di Karl Popper, filosofo austriaco del secolo scorso, secondo il quale ogni teoria, per essere considerata “scientifica”, deve rispondere al principio di confutabilità. In altri termini, quando si voglia affermare la scientificità di una teoria, non serve escogitare esperimenti che possano confermarla, in quanto se ne troverebbero a volontà, bensì occorre ideare almeno un esperimento che possa dimostrarne l’erroneità.

Perché vi dico questo? No, non per annoiarvi con un’ulteriore discussione su cosa sia scienza e su cosa non lo sia. Lo faccio, invece, per esporre scherzosamente una delle ragioni che di recente mi hanno indotto a partecipare alla prima edizione del concorso “Poesia a Napoli“, indetto da Guida editori. Chi mi segue sa già che in più di un’occasione ho preso le distanze da premi e concorsi. Però, essendo di formazione scientifica, ritengo che mettersi in discussione sia una buona pratica e, con tutti i miei limiti, sono disposto a rivedere ciò che penso. Non che le mie “confutazioni” vadano sempre a buon fine, ma in questo caso sì: mi è stato assegnato il primo premio per la poesia in lingua italiana ex aequo con Giovanni Perri con la seguente motivazione: “Le poesie di Raffaele Ragone sono tutte contenute, e direi persino esibite (anche visivamente), in una loro rigorosa compostezza formale. Poesia, infatti, di struttura centripeta, senza sbavature né eccessi, fatta di versi che puntano alla misura classica dell’endecasillabo, dentro la quale però brulicano le insorgenze della realtà, tenute sotto controllo da uno stile raffinato, non esente, a volte, da sottile ironia”. I testi dei finalisti sono stati raccolti in una piccola antologia, edita, appunto, da Guida editori, che vi invito ad acquistare, in quanto mi pare un bel panorama sulla poesia contemporanea, anche se di autori non notissimi ad un pubblico più vasto. Cosa concludere? La mia idea non cambia – una rondine non fa primavera – ma, almeno in casi selezionati, vale la pena di tentare anche la strada dei premi. Magari in futuro insisterò nel confutarmi.


wordpress visitors

Quel tanto che possiamo frequentiamo
di volti sconosciuti il vero mondo,
denso d’appuntamenti con alieni,
poco importa se noti, ma figure,
i cui richiami vanno assecondati.
E dopotutto – cuore vostro – in fondo,

d’una ben fitta agenda clandestini,
tra una chat e l’altra vi siamo pure
grati d’averci gentilmente collocati.
La vita la viviamo in sottofondo,
tra notifiche e tasti c’inseriamo,
esistiamo quel tanto che possiamo.


foto-alberto-di-capua

Destinazione Stabia Blog

In preparazione del Forum cittadino del 17 febbraio 2018 sul turismo e dopo i qualificati interventi delle scorse settimane di Lilly De Simone e Sergio Troiano, oggi ospitiamo il contributo di Raffaele Ragone, chimico e blogger stabiese.

View original post 655 altre parole


wordpress visitors

Il 13 novembre scorso a Castellammare di Stabia si è tenuta la prima delle iniziative letterarie dello Stabia Teatro Festival 2017, che è consistita in una conferenza su “Temi di performance art: alle origini di jazz e poesia”. Il relatore è stato Gino Romano, chimico napoletano appassionato di jazz e vice-presidente di Hot Jazz Italia, un’associazione culturale per lo sviluppo e la promozione del jazz. Nell’introdurre la conferenza, ho proposto alcune riflessioni di Caproni sulla poesia e un paio di letture, cercando di tracciare un filo conduttore tra la poesia e la musica. Di queste letture ha fatto parte Il lonfo, tratta dalla “Gnosi delle fànfole” di Fosco Maraini, quale esempio della poesia cosiddetta metasemantica. In questo genere di poesia le parole sono prive del loro significato lessicale, sì da sottolineare gli elementi metrici che contraddistinguono i versi e lasciare al lettore il compito di elaborarne un senso in base alla loro musicalità. Ai canoni metrici, infatti, si attengono sia la poesia sia la musica, pur con elementi di diversità. Su questa falsariga, cimentandomi in un nuovo esperimento, oggi vi propongo una “traduzione” de Il lonfo. Potrete confrontare il testo originale e la versione “lessicale” che ne ho elaborato. Buona lettura!

Il Lonfo
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce
sdilenca un poco e gnagio s’archipatta.
È frusco il Lonfo! È pieno di lupigna
arrafferia malversa e sofolenta!
Se cionfi ti sbiduglia e ti arrupigna
se lugri ti botalla e ti criventa.
Eppure il vecchio Lonfo ammargelluto
che bete e zugghia e fonca nei trombazzi
fa lègica busìa, fa gisbuto;
e quasi quasi in segno di sberdazzi
gli affarferesti un gniffo. Ma lui zuto
t’alloppa, ti sbernecchia; e tu l’accazzi.

Il tronfio
Il tronfio non tentenna e si esibisce
e molto raramente ha l’aria sciatta,
ma quando è malo tempo lo capisce,
avverte il vento e lemme già s’infratta.
È gonfio il tronfio! È come la gramigna,
erba che infesta, il morso non allenta!
Se taci, ti soverchia e tutto insegna,
se parli, ti disprezza e poi t’annienta.
E pure il vecchio tronfio corpacciuto,
tono saccente, immune da imbarazzi,
fa poca simpatia, fa il saputo;
e sotto sotto, con maliziosi lazzi,
gli tiri una stoccata. Ma lui, muto,
ti svaluta e disprezza; e tu ti scazzi.


wordpress visitors

Prosegue l’assegnazione dei premi Nobel. Un mio amico di vecchia data, Lino Polito, coglie l’occasione per riferire un episodio della sua gioventù, che lo vide a stretto contatto con i tre insigniti del premio Nobel per la Medicina 2017. A mia volta, in occasioni recenti, ho raccontato che nella vita di un ricercatore capita abbastanza spesso di avere a che fare con dei premi Nobel, ma l’esperienza non è sempre gratificante. Io stesso ho conosciuto, per aver interagito con loro in occasione di conferenze o congressi, Quasimodo (Letteratura, 1959; si veda pure Un tributo a Lamberto Maccioni), Perutz (Chimica, 1962), Prigogine (Chimica, 1977), Abdus Salam (Fisica, 1979), Yonath (Chimica, 2009), Karplus (Chimica, 2013), e forse altri, che non rammento, perfino il figlio di uno di loro, Walter Álvarez, che incontrai durante la mia permanenza a Berkeley, tra il 1996 e il 1997. Fu molto gentile con me. Ricordo che un giorno bussò rispettosamente alla porta del mio studio per chiedermi spiegazioni di italiano. Suo padre, Luis (Fisica, 1968), è forse più noto per essere stato tra i fautori dell’uso dell’atomica durante il secondo conflitto mondiale. Ma il mio incontro più significativo con un futuro Nobel avvenne durante un congresso a Siena, nel 1996, quando cenai alla stessa tavola di Kurt Wüthrich, che avrebbe ottenuto il riconoscimento per la Chimica nel 2002. Più che un ricercatore, mi parve un manager, una figura frequente in ambito accademico anche in Italia.

Questi manager della scienza brillano, in genere, per la loro scarsa umanità e, talora, per la loro ignoranza. Badano, soprattutto, a rastrellare finanziamenti, a intessere relazioni importanti e a decidere della carriera dei loro sottoposti, ma la posizione che occupano consente loro curriculum scientifici di tutto rispetto. Sta di fatto che Wüthrich non fu garbato con me, affermando, grosso modo, che non potevo considerarmi un ricercatore perché non ero stato presente ad una conferenza che qualche tempo prima lui aveva tenuto a Napoli. Un tale sfoggio di presunzione irritò il mio amico americano, Harold Helgeson (Hal), che fu nostro ospite a Napoli, tra il 1995 e il 1996, durante il suo anno sabbatico. Nel corso della serata mi trovai letteralmente preso tra due fuochi, con feroci scambi di improperi. Hal si spinse più volte ad apostrofare Wüthrich con un roboante “asshole” (letteralmente, buco del culo), l’ultima delle quali per averci presentato come sua segretaria quella che tutti i commensali capivano essere la sua amante. Tutto si svolse rigorosamente in inglese. Io cercai, timidamente, di mettere pace tra i due, ma i fumi del vino in cui essi erano immersi non mi diedero certamente una mano. Ho raccontato questo episodio nella mia recentissima A congresso (H. Helgeson vs. K. Wüthrich).

Infine, un pizzico d’ironia. Un mio amico e collega degli anni dell’Università mi scrive puntualmente tutti gli anni, in occasione dell’assegnazione del Nobel per la Chimica, confessando la sua delusione per non avermi trovato tra i premiati. Quest’anno gli ho anticipato la notizia. Mi ha risposto con un messaggio che non ho ancora ben decifrato. Forse vuole mangiare una pizza con me.


wordpress visitors

Sapevate che la carta termica, introdotta con l’avvento del fax e utilizzata oggi prevalentemente per gli scontrini della spesa, contiene bisfenolo A, un interferente dell’apparato endocrino? Non è una novità assoluta, ma uno studio recente (Environ. Sci. Technol. 2017, DOI: 10.1021/acs.est.7b03093) suggerisce che non è prudente manipolare a lungo gli scontrini, in quanto il bisfenolo A assorbito attraverso l’epidermide impiega fino a una settimana per essere eliminato completamente dall’organismo. La buona notizia è che questo composto, quando è ingerito con il cibo, come potrebbe accadere consumando bevande contenute in lattina o in bottiglie di plastica (il bisfenolo A viene adoperato per la preparazione della pellicola di rivestimento della superficie interna delle lattine o per indurire la plastica di bottiglie o contenitori adoperati anche per uso alimentare), viene eliminato in un giorno.

Bisfenolo A-d16

Per monitorare il destino del bisfenolo A assorbito dall’organismo nelle diverse situazioni, Jonathan W. Martin dell’Università di Stoccolma e Jiaying Liu dell’Università di Alberta hanno adoperato bisfenolo A marcato con deuterio (D), un isotopo radioattivo dell’idrogeno (H), che è stato usato per sostituire tutti e sedici gli atomi di idrogeno contenuti in una molecola di bisfenolo A. In una prima serie di esperimenti furono studiati gli effetti dell’esposizione cutanea, facendo manipolare per cinque minuti a sei volontari maschi, ai quali furono fatte lavare le mani dopo due ore, degli scontrini termici preparati con bisfenolo A deuterato. A debita distanza di tempo, furono analizzati gli effetti dell’assorbimento per via alimentare, facendo ingerire loro un biscotto contenente bisfenolo A deuterato. Senza entrare nei dettagli sperimentali, che chi vuole può trovare nell’articolo originale, si osservò che la concentrazione di bisfenolo A deuterato nelle urine dei volontari aumentava linearmente nei due giorni successivi all’esposizione cutanea e che, in metà dei volontari, era ancora presente in quantità rilevabili dopo una settimana. D’altro canto, dopo ingestione, l’escrezione nelle urine fu massima dopo cinque ore e scese praticamente a zero nell’arco di una giornata. Il commento di uno degli autori dello studio è che, dopo ingestione, il bisfenolo A viene metabolizzato nel fegato ed eliminato con le urine in tempi molto brevi, mentre l’assorbimento per via cutanea comporta probabilmente un metabolismo meno efficace, che potrebbe causare effetti tossici dovuti a un’esposizione di durata maggiore. Sarebbe saggio, pertanto, riconsiderare l’uso del bisfenolo A nella carta degli scontrini. Incidentalmente, l’introduzione del 730 online, già aggiornato con l’ammontare della spesa per i farmaci da utilizzare in detrazione, produce, indirettamente, anche questo beneficio. Chi non ricorda gli estenuanti conteggi con gli scontrini per i farmaci, per di più a volte inutilizzabili, perché l’invecchiamento causa uno sbiadimento generale della carta termica al bisfenolo A?

Vitamina C

Difatti, alcune industrie stanno già usando sostanze alternative. Per esempio, a un costo maggiore, è già commercializzata una carta termica trattata con un derivato del mais, ma l’opzione più conveniente sembra essere rappresentata dalla vitamina C. Ricordate l’inchiostro invisibile? Da piccolo ne utilizzavo uno preparato con succo di limone. Per blando riscaldamento, ciò che era stato scritto con questo “inchiostro” si imbruniva. Ora non so se responsabile dell’imbrunimento fosse proprio la vitamina C. Il succo di limone contiene altre sostanze organiche, come l’acido citrico, che, per effetto dell’ossidazione, più o meno spinta, possono cambiare colore. Chi, però, conserva in casa della vitamina C in polvere, magari per adoperarla come integratore alimentare, sa bene che l’esposizione al calore o alla luce la trasforma in un prodotto di ossidazione di colore bruno. Uhm, che divertimento, se fossi ancora bambino!

N.B.: parte del testo è liberamente adattato dall’ultimo numero di Chemical & Engineering News.


wordpress visitors

Qualche giorno fa, in seguito a una ricerca alla quale sono stato invogliato dalla pubblicazione della foto di un’ùpupa da parte di un mio contatto di Facebook, ho rinvenuto accidentalmente in internet il numero 3 dell’eMagazine annuale (qui il link per accedervi) pubblicato dal sito LaRecherche.it, che è amministrato dall’omonima associazione culturale. A LaRecherche fui richiesto di iscrivermi in occasione della partecipazione all’edizione 2015 del Premio Letterario Il Giardino di Babuk – Proust en Italie, riservato a opere inedite, su carta o sul web. L’iter del concorso, costellato di ingenuità organizzative, fu controverso e contorto. In breve, secondo quanto mi fu dato di capire, a ogni autore fu attribuito un punteggio. In base a questo, in un primo momento, fui estromesso dalla fase finale, nella quale, poi, rientrai, in seguito all’esclusione di autori che mi precedevano, per essere, infine, riescluso. Il fatto che io e gli altri partecipanti venissimo aggiornati in itinere sulle modifiche di graduatoria diede al concorso una connotazione di estrema improvvisazione.

– Che c’entra l’ùpupa? – vi chiederete. Ebbene, nella poesia che inviai, Inventario, regolarmente pubblicata sul blog, c’è un riferimento a questo uccello, che ho avuto la fortuna di avvistare in natura in un paio di occasioni, una volta perfino due esemplari insieme. L’avevo resa temporaneamente inaccessibile in vista della mia partecipazione al concorso, ma fui ugualmente escluso, perché essa era visibile, a mia insaputa, sul sito web della rivista Poeti e Poesia, al quale l’avevo inviata per partecipare ad un concorso precedente, dall’esito ugualmente sfavorevole. Per inciso, Elio Pecora, direttore di Poeti e Poesia, faceva parte anche della giuria del Premio Letterario Il Giardino di Babuk. Ora trovo casualmente l’Inventario, che pare magicamente scomparsa dal sito di Poeti e Poesia, a pagina 53 dell’eMagazine de la Recherche.it. È pur vero che, periodicamente, la Recherche.it mi invia aggiornamenti sulle sue edizioni digitali; tuttavia, non ho ricevuto alcuna comunicazione personale dell’avvenuta pubblicazione. E sia. A quanto pare la prassi, consolidata, stando a ciò che è accaduto a me, di non informare l’autore in maniera diretta è da accettare come effetto collaterale del proliferare dell’editoria digitale. Nella fattispecie, resto col dubbio che si tratti di una trappola messa pretestuosamente in atto per estromettere da un concorso potenziali concorrenti, in quanto consente di considerarne le opere come edite, a discrezione degli organizzatori, pur risultando esse pubblicate sul web in maniera disorganica e all’insaputa dell’autore. Ma questa è una parte del problema sulla quale non m’interessa per ora soffermarmi. Voglio, invece, cogliere l’occasione per raccontarvi un altro episodio, di cui io e l’ùpupa, per sua fortuna ignara, siamo stati attori.

Poco tempo dopo la partecipazione al concorso indetto da Poeti e Poesia fui contattato da un responsabile della casa editrice Pagine, a cui fa riferimento la rivista suddetta. Come contropartita di un mio impegno economico, intorno ai 200 €, se ben ricordo, mi fu offerto di pubblicare l’Inventario in antologia e di avere visibilità in uno spazio web che la casa editrice riserva ai suoi autori. Già questa proposta, di per sé, mi avrebbe indotto a rifiutare. Ma c’è dell’altro. Il signore che mi telefonò, forse cercando di lusingarmi per invogliarmi ad accettare, si avventurò nella recitazione: “Dove ho sepolto la pupa…”. Disattenzione o ignoranza? Se avete avuto la premura di leggere la poesia, potrete farvene un’idea e immaginare la mia risposta. Comprenderete anche cosa, insieme con altre ragioni, mi rende titubante a pubblicare in edizioni cartacee, per le quali mi viene richiesto, a vario titolo, un contributo economico, e m’induce a valutare con estrema cautela la partecipazione ai concorsi.


wordpress visitors

Il 23 maggio scorso, organizzata dalle associazioni Achille Basile – Le ali della lettura e Certamen Plinianum di Castellammare di Stabia, si è svolta una conferenza incentrata sul tema del mito in poesia. Nel corso della serata, alla quale anch’io ho partecipato, si sono succeduti interventi di Cinzia Caputo, Floriana Coppola, Giancarlo Cavallo e Carlo Di Legge, che potrete riascoltare integralmente nel filmato. Di seguito vi propongo, in breve, alcune mie riflessioni sul mito.

Nell’affrontare il tema, ho sottolineato come esistano, a mio avviso, forti analogie tra il mito e l’onomatopea. Come è noto, questa figura retorica associa a taluni suoni dei simboli linguistici: bau, miao, be, cra, crac, ciac, drin, e tanti altri, ai quali aggiungerei, perché no, il blabla dell’alta società di montaliana memoria. Da questi sono poi derivati lemmi più complessi, come sostantivi e verbi “onomatopeici”. Rimbombo – rimbombare, cigolìo – cigolare, gracidìo – gracidare, ticchettìo – ticchettare, e così via. In definitiva, l’onomatopea è uno strumento fonosimbolico, attraverso il quale gli elementi fonici di una parola o di una sequenza di parole suggeriscono di per se stessi il senso dell’atto fonetico che intendono esprimere. Ma aggiungerei che dietro ogni espressione onomatopeica c’è una storia. I fonosimboli non sono uguali in tutte le lingue, ma ci dicono che un certo suono è stato sempre e dovunque ciò che il fonosimbolo significa. In proposito, ricordo le parole del mio professore di greco del liceo, Aniello Buono. Nel contestare una tesi in voga all’epoca, che suggeriva che la “η” del greco antico si pronunciasse come la “η” del greco moderno, cioè, “i”, notava che, in base a tale logica, il verso delle pecore nella Grecia antica (βῆ βῆ) avrebbe dovuto essere “bi bi” e non “be be”. In tal modo l’onomatopea svincola un particolare suono dal contesto storico in cui esso ha avuto luogo.

Per analogia con l’onomatopea, il mito riecheggia qualcosa. Non semplicemente un suono, ma una storia realmente accaduta. Il mito è, in origine, storia. Allorché perde la sua dimensione spazio-temporale, la storia, affidata alla tradizione orale e al ricordo, diventa racconto, ammantandosi di un’aura di sacralità che la trasforma in mito. È mia opinione, infatti, che l’uomo, credente o non credente che sia, non possa fare a meno della sacralità, la quale lo pone in contatto con il sovraumano, con il mistero, con il metafisico, identificando la sua appartenenza ad una cultura. L’originale dimensione storica del mito affiora nel corso di ricerche archeologiche, come è avvenuto per Troia o per l’arca di Noè. Pertanto, il mito è storia modificata da una sovrastruttura sacrale, che, nelle sue espressioni più elaborate, può anche diventare strumento terapeutico.

Se riflettiamo sul fatto che il mito è il ricordo di una storia, di un fatto, del quale ha perso la dimensione spazio-temporale, comprendiamo anche come per ognuno di noi il ricordo, nel tempo, possa conferire alle nostre vicende personali una dimensione mitologica, alla quale appartengono fatti e persone della nostra vita. Ricordiamo i Mani dei Latini o la memoria dei defunti della religione cristiana. Il mito, in definitiva, diventa lo strumento attraverso il quale parliamo di noi parlando, apparentemente, di altri, esprimendo, così, il nostro bisogno di appartenenza. Il mito è, a mio avviso, un’esigenza primaria della mente umana, alla stregua della sete di conoscenza e della poesia, al punto che, nel mio caso personale, è tema privilegiato da molti componimenti, che, nel loro complesso, costituiscono un’intera categoria di questo blog, intitolata, appunto mitologia.


wordpress visitors

Del movimento artistico letterario Immagine & Poesia vi ho già parlato nel 2015. Tra le sue attività, ogni anno, per iniziativa di Huguette Bertrand, rappresentante del movimento per il Canada, viene pubblicata un’antologia in formato e-book, che raccoglie immagini associate a poesie in inglese o francese di autori di tutto il mondo. Come per gli anni precedenti, anche gli e-book 2016 e 2017 sono scaricabili gratuitamente da Immagine & Poesia (e-book 2016 ed e-book 2017). È degno di nota che in entrambi gli e-book sono presenti opere di Lawrence Ferlinghetti e di Agneta Falk, quest’ultima moglie, tra l’altro, di Jack Hirschman, un’altra grande voce della poesia americana contemporanea.

Per quanto riguarda i miei contributi, essi consistono in April (2016) e (Palin)genesis (2017), che sono le versioni inglesi di Aprile e (Palin)genesi, rispettivamente. L’immagine dell’anno scorso è una rielaborazione grafica de La Naissance de Vénus [La nascita di Venere], di Alexandre Cabanel, ed è opera di Paolo Maria Innocenzi. Quest’anno, invece, mi sono cimentato in una rielaborazione personale della Space Venus, una scultura di Salvador Dalì, che ebbi modo di fotografare qualche anno fa a Sorrento. Che ve ne pare? Qui di seguito potrete vedere le pagine che mi riguardano, estratte dai due e-book.