wordpress visitors

Il verbo non si coniuga al plurale,
terza persona, flessione singolare.
Attore assente, goccia dopo goccia
gronda dal cielo, suono immateriale,
brusìo indistinto, nenia che picchietta,
schizza, diventa voce di chi manca

golconde-magritte

resa incerta, fonema che non stanca,
indugia come un dì, non va di fretta,
ed è vocìo sommesso, impersonale,
di cui s’impregna il cuore fatto roccia
suo malgrado, dal senso elementare,
tradotto infine in sillaba ancestrale.