wordpress visitors

In un eccesso di autostima, oggi ripropongo un componimento giovanile – avrò avuto vent’anni quando lo scrissi – spinto a questo da una notizia apparsa da qualche giorno su Repubblica. Di recente, è stato pubblicato un nuovo studio sulla possibilità che esistano altri mondi, del tutto simili a quello in cui viviamo, in cui nostri alter ego conducono esistenze simili alle nostre. La ragione per la quale i fisici teorici da quasi sessant’anni si impegnano nell’elaborazione teorica di questa ipotesi è che essa consente di spiegare i fenomeni che sono alla base della meccanica quantistica, come l’effetto tunnel o la natura duale della luce. Se ben ricordo, la mia idea nacque dalla necessità di affermare l’esistenza concreta del passato e del futuro, che non sarebbero, pertanto, il semplice frutto del pensiero, che esso sia concentrato sui ricordi oppure rivolto all’immaginazione di ciò che avverrà.

Mondi infiniti. Attimi di vite.
Sempre identità d’uomini,
d’intenti, di passioni.

l'astronomo

Predestinazione.
In tutto, non conosco
che possibilità, null’altro.

Annunci