wordpress visitors

Della giogaia lo seppi sanguigno uccellatore,
allor che ad un rincorrersi di spari trepidava
la giovinezza nostra mattiniera e s’incendiava
l’alba nell’ansietà dei voli. Io quasi genitore
l’ebbi e figlio, quasi, fui. Così m’addentro,

335871_4184788270587_1510505233_o

dunque, lungo l’inverno degli arbusti intirizziti,
dove scaltra alla macchia sgattaiola la volpe,
dove risuona l’eco dei tuoi inverni intimoriti,
dove quasi padre fui e tu figlia, quasi, fosti,
e adesso a fine d’anno riverbera il tuo fuoco.