wordpress visitors

a Camilla Scala

Rimase senza dita il cuore. Dopo
tre stagioni glielo dissero le gemme
dell’inverno che pure al logoro spartito
rigide di gelo stavano le note, attanagliate
dalla galaverna. Lo spiegarono i fiori:
era già il tempo di nuovi turbamenti,
di rinverdir la speme alle corde dell’arpa,

la speranza II

che la misura stretta tenne dell’arcano
e spazio grande diede alle parole e ai sensi.
Ma rimediar non seppe la scienza dei dottori:
scovarono alambicchi e semplici alchimie
e in allegato alcune cose senza senso,
che indifferentemente diconsi poesie.