wordpress visitors
Se non mi abbracci, considera
Che perdo la nenia del mare
Di sera, perdo il racconto delle foglie
D’ottobre, le corde perdo della tua voce,
Che accende la luce del giorno,
Nell’ora che il giorno è già luce.
Se non mi abbracci, considera
Che perdo l’ardore delle tue coste
Di lava, lo zefiro che muove

170175_1671837888398_562769_o

Al tuo pomario, di cui perdo il turgore,
La fragranza, il candore, le spine,
E pure perdo l’essenza d’una rosa.
Se non mi abbracci, considera
Che perdo la requie dell’approdo,
E pure perdo ogni tenera cosa.
Però non m’è servito a niente
Che tanto forte mi stringesse a sé
Chi mi abbracciò perdutamente.
Annunci