wordpress visitors
Vorrei possedere il mistero
Dei suoi occhi,
Di cui fosti il pittore,
L’artefice del colore;
Dei suoi orecchi,
Di cui fosti l’orchestra,
la chiave di violino;
Delle sue corde,
Di cui fosti l’interprete,
Il suonatore d’arpa;
Dei suoi capelli,
Di cui fosti il tessitore,
L’operaio della trama;
Del suo profumo,
Di cui fosti l’inventore,
L’alchimista dell’ebbrezza;
Del suo sapore,
Di cui fosti l’ideatore,
Il maestro del gusto;
Del suo senno,
Di cui fosti il nocchiero,
Lo scrutatore degli astri;
Delle sue forme,
Di cui fosti lo scultore,
Il creatore del corpo;
Del suo tutto,
Di cui fosti il forgiatore,
Il mago del sortilegio.
Di come fosti il fattore
Di tutto questo,
E ne facesti la mia chiave,
Svelami il mistero adesso,
Acché ci provi anch’io, signore.