wordpress visitors

Sono l’uomo che fotografò la farfalla,
Ma era solo una farfalla sulla mia strada,
E molte altre cose e persone ho fotografato.
E fui sorpreso, perché non mi aspettavo
Che una sconosciuta mi dicesse
“mi piace la farfalla che hai fotografato”.
Sono l’uomo che pare molto italiano,
Quello che pare recitare la sua parte,
Quello che punta diritto al suo scopo,
ma non ne sei sicura.
Sono l’uomo che ti ha impaurito,
Quello che ha smesso di lavorare
Per stare vicino alla sua donna,
e lei è morta in due anni.
Sono l’uomo che si sente perduto,
quello che sopravvive, ma non sa dire
se la sua vita è peggiore della tua.

Sessant’anni, ho perso la mia compagna,
E qualcuno chiede del mio passato,
e vuole sapere cosa accadde
quando ne avevo diciotto.
Conobbi la mia donna, e lei è morta.
Sono l’uomo che sta imparando,
E vivo da solo da quattro mesi.
Sono l’uomo che aspetta il tramonto,
lo aspetto sull’acqua di mare
di tutti i mari del mondo,
lo stesso tramonto che vidi con lei,
quello salmastro, che trafigge il cuore,
quella sfera striscia di luce
di tutti i mari del mondo,
quella riva dell’anima, che affonda lenta,
quella lama, falce sull’acqua
di tutti i mari del mondo,
e la sua Paloma Blanca sopra le nuvole.

Si può leggere anche su Penelope va alla guerra