wordpress visitors

Della serie ‘quando il gioco si fa duro, i duri incominciano a giocare’, oggi pubblico la corrispondenza intercorsa qualche tempo fa tra me e l’Ufficio qualità di una nota catena di supermercati, cui va dato atto della tempestività con la quale ha adottato i necessari provvedimenti. Ora, oltre alle confezioni fuorilegge, ne troviamo altre con la tara predeterminata. Tutto sommato, un compromesso accettabile, nel transitorio. Tuttavia, la storia che essa vi racconta continua a ripetersi, con alterna fortuna, ogni volta che andiamo in giro a comprare generi alimentari. Per semplificarci la vita, spesso ci dirigiamo verso punti vendita dei quali abbiamo accertata l’onestà. Per fortuna, da qualche parte qualcosa si sta muovendo. Ma non basta, e noi continuiamo a dibatterci tra l’ottimismo della volontà ed il pessimismo della ragione.

4 novembre 2008
Gentili Signori,
la presente è per informarVi che, presso il Punto vendita ********, ho acquistato generi alimentari preconfezionati in cui non v’è debita sottrazione della tara. Nella fattispecie, l’etichetta di due confezioni di ******* da me acquistate in data 3/11/2008 riportava il peso netto comprensivo di tara, a fronte di una tara riferita di 0 (zero) grammi. A me risulta, invece, che il peso netto si ottiene sottraendo la tara dal peso lordo. Su una confezione di 154 grammi, ho avuto modo di verificare che l’ammontare della tara ed il peso netto erano rispettivamente pari a 13 e 141 grammi. Mi auguro che procediate alle verifiche del caso.
Distinti saluti.

9 novembre 2008
Gentili Signori,
faccio seguito alla mia precedente comunicazione del 4 novembre per confermarvi che anche la seconda delle confezioni di ******* acquistate in data 3/11/2008 presenta irregolarità analoghe a quelle da me già rilevate. La tara ed il peso netto ammontano a 13 e 109 grammi, a fronte dell’indicazione di 0 e 122 grammi, rispettivamente. Inoltre vi segnalo che, nel medesimo punto vendita, all’8 novembre 2008, permangono situazioni di dubbia regolarità inerenti alla stragrande maggioranza dei generi di salumeria preconfezionati. Solo in poche confezioni, per alcuni tagli di formaggio, ho riscontrato l’indicazione di una tara diversa da zero. Tuttavia questa appare inspiegabilmente variabile (tra i 2 e gli 8 grammi, per contenitori di polistirolo identici), al punto da indurmi a non effettuare l’acquisto.
Vi ringrazio per l’attenzione.

11 novembre 2008
Gentile Cliente,
in merito alla Sua seconda e-mail inviataci lo scorso 09 novembre, La ringraziamo innanzitutto per la segnalazione e Le chiediamo gentilmente di comunicarci un Suo recapito telefonico per essere ricontattato dal Ns Referente Commerciale di zona.
RingraziandoLa per l’attenzione, e rimanendo a disposizione per qualsiasi informazione e/o chiarimento La saluto cordialmente.
Firma

12 novembre 2008
Gentile ********,
La devo informare che non è mia intenzione entrare in alcun tipo di contraddittorio, quand’anche telefonico, con nessuno. Mi risulta che altri circuiti di supermercati procedono normalmente, senza necessità di chiarimenti personali con chicchessìa, alla corretta applicazione di tara, peso netto e peso lordo, ed ho fornito tutti gli elementi necessari a ben comprendere il problema e ad accertare la correttezza di quel che ho rilevato. Pertanto, ritenendo che una mia interazione con il Vostro Referente Commerciale sia controproducente, non mi resta che sperare che ******* faccia le verifiche del caso e si regoli come meglio riterrà opportuno.
La ringrazio per avermi dedicato la Sua cortese attenzione.
Cordiali saluti.

12 novembre 2008
Gentile Sign. Ragone,
Le avevamo chiesto un recapito telefonico non per avere un dibattito sulle Sue dichiarazioni, ma per accertarsi che il prodotto in questione era uno a marchio ******* (come pensiamo non fosse) o un fuori assortimento. Infatti il P.V. di ******* è un Nostro affiliato, cioè c’è un proprietario che “dovrebbe” acquistare solo i Nostri prodotti, e attenersi ai Nostri standard, dove purtroppo questo non succede sempre. Infatti pensiamo che il proprietario non rispetti questi standard e che confezioni le vaschette lui direttamente senza inserire la tara. Per questo, la ringraziamo per la Sua segnalazione e faremo le dovute verifiche del caso.
Augurandole buona giornata La saluto cordialmente.
Firma

13 novembre 2008
Gentile Sig.ra *******,
ancora una volta, La devo ringraziare per l’attenzione che sta ponendo alla mia segnalazione. Mi deve scusare, ma preferisco evitare contatti telefonici, a causa di precedenti sgradevoli esperienze. Tuttavia, credo di poter rispondere alle Sua richiesta, in quanto ho conservato le etichette delle confezioni alle quali si riferiscono i miei precedenti messaggi. Gliene allego le copie, perché possa farne l’uso che più ritiene opportuno, pregandola tuttavia di trattarle con la dovuta riservatezza. Se ha problemi con il download dell’allegato, me ne informi, perché provvederò ad inviarLe una copia a minor risoluzione.
Cordiali saluti

14 novembre 2008
Gentile Sign. Ragone,
La ringrazio nuovamente per il Suo aiuto. Le comunico che abbiamo già provveduto alle verifiche che Lei ci aveva segnalato ed effettivamente, come poi ci ha confermato con l’allegato ha pienamente ragione. Per questo prenderemo i dovuti provvedimenti del caso.
Augurandole un buon fine settimana La saluto cordialmente.
Firma

Annunci