wordpress visitors

Oggi, in un’epoca in cui l’esposizione mediatica sembra essere la qualità più ambita dai “tutori – eletti – della nostra vita“, sempre più smaniosi di apparire e sempre meno ‘politici’, mi sono ricordato di un romanzetto della mia infanzia, forse la mia prima lettura di fantascienza, L’uomo invisibile. Mi pare che ce ne sia anche una versione cinematografica.

Ora, in un eccesso di presunzione, vorrei proporre a quanti possano essere interessati, e mi auguro che ce ne sia qualcuno anche tra coloro che ho citati più sopra, questa notiziola pubblicata di recente sul notiziario New Scientist. Ho chiesto l’autorizzazione alla casa editrice, che il 9 marzo 2009 ha subordinato l’assenso all’inserimento del link all’articolo originale (vedi nota). Lo troverete nella traduzione.

Se il vostro superpotere preferito è l’invisibilità, non potete nemmeno immaginare quanto i ricercatori siano vicini ad ottenerla. Il video nell’articolo mostra un congegno ideato alla Duke University, North Carolina, che può rendere gli oggetti invisibili alle microonde. I ricercatori sostengono che la tecnologia adoperata potrebbe essere modificata per funzionare con i raggi infrarossi e la luce visibile, adattandola di fatto a nascondere alla vista oggetti tridimensionali. La maniera in cui il congegno devia le microonde potrebbe anche dare un impulso alla tecnologia ‘senza fili’, migliorando, ad esempio, la trasmissione dei segnali al chiuso o sottoterra. Nel frattempo, i ricercatori Giapponesi stanno tentando un approccio completamente differente all’invisibilità. Adoperando delle telecamere ed un proiettore, essi indirizzano il video dello sfondo su un ostacolo dalla superficie molto riflettente, determinandone la quasi assoluta invisibilità. Oltre ad ideare un ‘cappotto’ che rende una persona trasparente, essi sono riusciti di recente a consentire ad un guidatore di guardare attraverso la portiera ed il cruscotto dell’auto, rendendo visibili ciclisti e segnali che sarebbero altrimenti rimasti nascosti alla sua vista.

Uhm, credo che, nell’Inferno dantesco, le persone desiderose della visibilità ad ogni costo saranno condannate al contrappasso per antitesi, l’invisibilità. Si accettano ravvedimenti.

NOTA

From: “New Scientist Syndication (RBI-UK)” <Syndication@newscientist.com>
To: raffrag@*********
Sent: Monday, March 09, 2009 10:31 AM
Subject: RE: Syndication Contact Us – synd

Dear Raffaele
Thank you for your enquiry regarding the article below.
Because your enquiry is for syndication online, I recommend you quote
less than 200 words from the article opening and then link back to the
article on our website. If you do this then reuse is free of charge.
We do not allow the reproduction of any of our stories in their entirety
on other websites.
Kind regards
Varneek

—–Original Message—–

From: raffrag@*********
To: “New Scientist Syndication (RBI-UK)” <Syndication@newscientist.com>
Sent: 05 February 2009 10:51
Subject: Syndication Contact Us – synd

Article title or URL: http://www.newscientist.com/article/dn16527
Name: RaffRag
Issue date: 4 February 2009
Publication: My blog (raffrag.wordpress.com)
Circulation: n.a.
Cover price: n.a.
Description: I would like to post a translation of your commentary as
well as a link to the video therein. Thank you.