wordpress visitors
                   a R.S.
Fu allora chiaro
che tralasciata la nebbia delle ghise
volteggiavamo acheni in dispari spirali
prede alla balìa del vento eliche nervose.
Adesso, a consuntivo, adesso è certo
che a vesti bianche girava la mia strada,
nell'ocra spiegata dell'autunno.
E te taceva il piombo smarrito nell'oblio
e alle murate la caligine del fango.
Adesso, d'Ognissanti, adesso è l'ora
Che nella greggia trafitta dei sepolcri
rechi i corimbi ai tuoi basoli di fumo
e agli epitaffi rosse melegrane.