wordpress visitors
E' solo il vezzo dell'innamorato
se curo di cercarti alla finestra
già che dilegua sapide rugiade
il tempo sonnacchioso della terra.
Lungh'essa una traccia mattutina
s'abbozza il limite degli olmi
al primo fioco battito dell'ali,all'ombra notturna dei vapori
disfatta dal segreto d'una mano.
Quasi ti vedo, ora quasi non più,
ed è lo scherzo ialino dell'addio;
poco oltre la speme si smarrisce.
E' quasi l'alba, e a un dipresso,
dell'oltremare, di gelo e festa
più ci dimembra un vento disperato.