wordpress visitors

Leggo oggi che, nel maxiemendamento al decreto sulla manovra economica, il governo prevede nuovi tagli alla sanità. Non è mia intenzione criticare l’operazione, visto che non l’ho fatto nemmeno con quella precedente del governo precedente. Parto dal presupposto che, se tagli si prevedono, un deficit ci sarà. Vorrei, invece, sottolineare che questa storia del deficit della sanità pubblica è ormai ricorrente da trent’anni, a occhio e croce. E, in trent’anni, i nostri politici ne hanno escogitate di soluzioni (leggi tagli), ma senza risultato. Direi che questo è il sintomo di una malattia cronica che affligge il nostro SSN. Ma perché proprio trent’anni, e non quaranta o venti o dieci? Basta la storia a spiegarlo, la storia di come il nostro sistema assistenziale si sia evoluto dalla logica degli enti mutualistici al suo assetto attuale. Trent’anni di leggi, decreti, circolari, provvedimenti, durante i quali il deficit ha assunto la connotazione dell’endemìa. E nessuno si è mai posto il problema che il problema potrebbe consistere proprio nel cambio d’assetto di cui sono state gettate le basi trent’anni fa. O meglio, qualcuno se lo sarà posto, ma la risposta è una di quelle verità scomode di cui a nessun politico fa comodo parlare. Salvo mettere in discussione un sistema di cui è ormai sancita la gestione politica con tanto di incarichi, poltrone, consulenze e relativo sottobosco di impieghi anonimi, ma di non minore rilevanza economica, per il gregge dei portatori di voti. Il sistema Mastella, lo chiamerei, con una figura retorica in cui Mastella è la parte per il tutto del sistema dei partiti. In questo contesto, giocano una parte non secondaria alcune delle modifiche ‘strutturali’ introdotte con l’istituto del SSN, ad esempio, i compensi ai medici di base, che da trent’anni sono fissi (un tot per assistito, in regime convenzionale), mentre erano a prestazione al tempo degli enti mutualistici. Con il risultato che i medici di base, sempre gli stessi da trent’anni, sono per lo più liberi professionisti, che spesso esercitano anche in altre strutture private, ai quali è perfino concesso di subappaltare sottocosto la medicina di base ad eterni aspiranti medici di base (i cosiddetti sostituti). Ecco, in un paese normale, prima di parlare di tagli, forse si discuterebbe seriamente di queste cose. Ma, more solito, lo sguardo di TUTTI è volto altrove. Nell’interesse della collettività.