wordpress visitors

Più che l’indisturbata simbiosi
uomo-macchina pensiero-numero
dai sacritesti ove maneggiabile
è l’alter ego di maneggevole,
in fondo noi cosa ne sappiamo
della separazione tra fasi
tranne l’immortale delirio
una presunta stasi dinamica
che non assottigli troppo
la pletora degli effetti collaterali
o di sorpresa un battito d’ali
dentro interfacce superfici
in precario equilibrio
noumeno fenomeno squassato
da flussi fenomenologici
che la saetta temporale
dissipa nel suo tragitto
bianco nero
catastrofe annunciata
ma secondo legge di natura.